giovedì 3 aprile 2008

Italia, un anno dopo.

Una moglie meravigliosa, una bella casa nel più bel posto d'Italia, il cane migliore che ci sia (e pure tibetano), il giornale dei sogni e una nuova carriera da cominciare. Qualche volta a rischiare tutto – e a dar retta alla nostalgia – ci si azzecca pure.

3 commenti:

LdB ha detto...

bravo alan, sono proprio contento, ti sei preso tutto quello che ti meritavi. ora assumimi però.

Anonimo ha detto...

bello Alan!

Maria Claudia

Kalar ha detto...

SECURITY CENTER: See Please Here